A bag for mum

TITOLO: A BAG FOR MUM

CLASSI COINVOLTE: 4 classi terze per un totale di 91 alunni

DISCIPLINE COINVOLTE: arte, tecnologia, matematica……

TEMPI: 6/7 lezioni di laboratorio della durata di circa 2 ore ciascuna. Aprile e maggio 2017.

LUOGO DI REALIZZAZIONE: nelle proprie classi.

METODOLOGIA: brainstorming (discussione collettiva di preconoscenze, proposte, idee raccolte in mappa), cooperative Learning (lavoro di gruppo con ruoli ben definiti: coordinatore, moderatore, relatore), EAS, autovalutazione (questionario).

PRODOTTO: shopping bag per la mamma.

COMPETENZE ATTESE:

  • Capacità progettuale: partendo da una domanda-bisogno/idea ipotizzare e progettare un percorso di soluzione del problema/di risposta alla domanda-bisogno tenendo conto del materiale occorrente, della fattibilità, della fruibilità del prodotto.
  • Capacità sociale: saper rispettare i ruoli all’interno del proprio gruppo di lavoro, saper ascoltare compagni e insegnante, saper negoziare le proprie idee nel gruppo, trovare compromessi e mediazioni, mettersi in gioco in un’attività completamente nuova (il cucito), ascoltare istruzioni operative, saper relazionare la propria idea/scelta.
  • Capacità manuale: apprendere come fare un cartamodello, tagliare la stoffa, imbastire e attaccare bottoni, manualità fine x infilare e utilizzare ago e filo.
  • Capacità di valutazione: riflettere sul lavoro svolto e saper esprimere giudizi adeguati rispetto al risultato e al percorso di lavoro. Riconoscere errori nel percorso e saper scegliere obiettivamente una soluzione alternativa. Compilazione di un questionario di autovalutazione.
  • Capacità di trasferibilità: saper utilizzare le capacità acquisite in altri compiti di realtà simili.
  • Apprendimento disciplinare: saper rappresentare graficamente la propria idea di borsa, uso della simmetria e metrica lineare (uso della riga, squadra, metro, quadernone)

FASI DI LAVORO:

  1. PROPOSTA INIZIALE: inizialmente tutti gli alunni delle classi terze sono stati radunati insieme e gli insegnanti hanno spiegato loro i dettagli principali delle attività del progetto Erasmus legate alla progettazione e realizzazione manuale di artefatti. Successivamente in ogni classe gli alunni sono stati suddivisi in piccoli gruppi di 3 / 4 unità secondo le indicazioni di ruolo del Cooperative Learning (coordinatore, moderatore, relatore). Le insegnanti hanno quindi proposto di creare una borsa di stoffa da regalare alla propria mamma.
  2. PREPARAZIONE: avvio di una discussione collettiva sulle diverse tipologie di borse realizzabili e sui punti da considerare e discutere in gruppo: uso e funzione della borsa, occorrente per la realizzazione, procedimento da seguire in fasi. (Brainstorming)
  3. ORGANIZZAZIONE: ogni gruppo si riunisce e discute; disegna quindi il proprio progetto di borsa e stabilisce la sua funzione, l’occorrente e le fasi di realizzazione. Ogni gruppo relaziona la propria soluzione. La classe vota e sceglie un progetto ed eventuali modifiche: si creerà una borsa della spesa con alcune decorazioni (ma non esagerando) e con il logo del nostro progetto Erasmus. Si discute insieme di quali saranno le diverse fasi di lavoro: creazione di un cartamodello in carta per evitare sprechi inutili di stoffa e per verificare l’adeguatezza del prodotto, imbastitura, cucitura a macchina con l’aiuto di alcune nonne disponibili, decori e logo.
  4. ORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI E DEI MATERIALI: in ogni classe i banchi sono stati raggruppati per permettere ad ogni gruppo di lavorare senza interferire con gli altri. Le insegnanti hanno fornito agli alunni la stoffa in diversi colori, mentre gli alunni hanno portato da casa aghi e filo da imbastitura.
  5. REALIZZAZIONE: ogni gruppo realizza un cartamodello con carta da giornale e lo presenta alla classe. Nuova votazione per scegliere la proposta più adeguata allo scopo. Si procede quindi al taglio della stoffa usando il concetto di simmetria, riga e squadra, spilli e gesso, e in alcuni casi utilizzando oggetti, come il quadernone, per riprodurre forma e dimensione. Segue l’imbastitura. Successivamente nelle quattro classi interverranno alcune nonne competenti che cuciranno a macchina le borse e le varie applicazioni.
  6. SINTESI FINALE: l’attività è stata molto apprezzata dagli alunni che si sono trovati ad essere ideatori ed artefici, con la responsabilità dell’obiettività durante la fase di giudizio/valutazione. Ha posto problemi complessi e reali, adeguati ovviamente all’età dello studente, ma aperti a diverse interpretazioni, risposte e scelte; perciò non ha avuto una risoluzione unica e definita, ma nelle quattro classi è stato svolto da diverse prospettive e punti di vista; le classi hanno infatti creato 4 tipologie diverse di borse che sono state confezionate e quindi donate alle mamme durante lo spettacolo di fine anno l’8 giugno 2017.

    Di grande aiuto è stato infine il supporto concreto fornito da alcuni alunni stranieri e non, che hanno messo in campo le loro preconoscenze ed esperienze vissute con i propri nonni, ancora molto abili manualmente. E’ necessario infine dichiarare l’interazione e l’interesse dimostrato da alcuni alunni in difficoltà di apprendimento che, contrariamente alle aspettative, hanno messo in campo notevoli qualità manuali e si sono dimostrati una valida risorsa per tutti i compagni.
  7. RISORSE/STRUMENTI: stoffa a costo zero, offerta dai genitori di un’alunna; aghi e filo portati dagli alunni; logo Erasmus a carico del progetto.
  8. AUTOVALUTAZIONE: questionario alunni (in allegato)
  9. VALUTAZIONE DOCENTI (da eseguire)
  10. DOCUMENTAZIONE (foto)